Risotto di Seppie in nero

//Risotto di Seppie in nero

Risotto di Seppie in nero

Un’antica ricetta veneziana (di Casa de Zuliani):

 

Procuratevi delle seppie non troppo piccole e mondatele di occhi, becco (si trova sotto, al centro), ossa e cartilagini della testa e osso dorsale.

Tagliate le seppie sulla schiena e togliete, lasciandoli interi e messi da parte, i sacchettini che contengono il nero.

Lavatele abbondantemente finché siano perfettamente pulite, senza sabbia e tagliatele a pezzetti.

In una teglia fate un soffritto con olio, burro, cipolla (e se si vuole anche con uno spicchio d’aglio che dovrà essere tolto appena imbiondito); aggiungete le seppie e tutti i sacchettini del nero con acqua a pelo ed un bicchiere di vino bianco; coprite bene il tutto finché giunga a bollore.

A questo punto abbassate il fuoco e lasciate che le seppie cuociano e quando i pezzi saranno teneri, toglieteli dalla pentola e metteteli da parte.

Alzate nuovamente il fuoco sul soffritto e mettere il riso avendo cura di mescolare per farlo brillare e prendere sapore; aggiungete poi un po’ per volta un mestolo d’acqua bollente (meglio con l’aggiunta di un po’ di vino bianco secco o rosso)e cuocete come un risotto.

A metà cottura, versarvi i pezzi di seppia messi da parte.

Mescolare e servire.

Nota: gli ossi di seppia non andavano mai buttati via per due motivi: il primo perché la loro polvere serviva per pulire l’argenteria, il secondo perché venivano incastrati nelle gabbiette degli uccellini affinché i se guasse el bèco (si affilassero il becco)

 

2017-05-31T14:38:44+00:00

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/welcome1/public_html/wp-includes/formatting.php:5106) in /home/welcome1/public_html/wp-content/plugins/webtoffee-gdpr-cookie-consent/php/functions.php on line 117